closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp

Edizione del 01.06.2018

Si conclude, con il governo Conte, il travagliato parto politico dopo il terremoto del 4 Marzo. Il presidente Mattarella esce dall’angolo, Salvini prende Interni e vicepresidenza, Di Maio e i 5Stelle escono ammaccati e alla prova di una convivenza con una destra lepenista e liberista. Inizia una legislatura di fuoco e l’Italia torna laboratorio politico

Politica

Nasce il governo Salvini-Di Maio. Due vice per Conte

Andrea Colombo

Il contestato Savona trasloca dall’Economia alle politiche comunitarie e il lungo stallo si sblocca. L’ultimo scoglio, l’ingresso di Fdi nell’escutivo, stoppato dalla base e dai parlamentari 5Stelle. Oggi il giuramento

Autobiografia per più generazioni

Francesca Lazzarato

«La dimensione oscura», il romanzo della scrittrice cilena Nona Fernández (uscito per Gran Via) che intreccia una magnifica narrazione intorno alla figura del torturatore Andrés Valenzuela

La strada sul Danubio che divide romani e barbari

Valentina Porcheddu

Ad Aquileia, una rassegna narra la storia della regione dell’Illirico, corrispondente all’attuale Serbia. Seicento anni di guerre, conquiste e invasioni ma anche di fruttuosi scambi culturali

Visioni

Storie tra due guerre che si tingono di jazz

Flavio Massarutto

Il musicista Giovanni Maier cura a Monfalcone un concerto e una mostra intorno a tre date simboliche: 1918, 1938, 1948. Suoni e immagini potenti per raccontare la distruttiva follia umana

Zidane e quei geniali colpi di testa

Luca Pisapia

A sorpresa il ct del Real Madrid lascia il team spagnolo dopo tre Champions consecutive. «Sarà difficile continuare a trionfare, siccome sono un vincente me ne vado»

Rubriche

Nota sull’attuale marasma

Alberto Olivetti

Quanto avviene in queste settimane è il risultato di tre decenni almeno di inadempienze. La prima fu commessa sul piano delle necessarie riforme costituzionali, per come si presentavano mature nelle proposte autorevolmente elaborate e discusse alla metà degli anni Ottanta. L’altro adempimento fallito sta intero nella responsabilità delle sinistre che hanno degradato la cultura politica