closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp

Edizione del 01.06.2013

Riduzione del finanziamento pubblico ai partiti del 40% e azzeramento completo entro tre anni. È la scelta del Consiglio dei ministri che consegna alle lobby il potere d’acquisto della politica. Vince il modello 5Stelle, ma Grillo strilla alla legge truffa

Editoriale

La bolla che esploderà

Andrea Baranes

Nel mondo circolano quantità enormi di denaro. Che finisce tutto nel circuito finanziario, mentre la disoccupazione aumenta. Chi pagherà la prossima crisi?

Partiti, il rinnovamento possibile

Alfio Mastropaolo

I partiti sono irrinunciabili, ma la loro involuzione burocratica e antidemocratica è sotto gli occhi di tutti (da tempo). Ma al mito della società civile abbiamo già dato. La proposta di un'associazione che dia significato alle parole solidarietà e democrazia

EDITORIA

Fondi ai giornali, lo stato tassi Mediaset

Matteo Bartocci

Anche l'Irlanda, dopo la Francia, vuole chiede soldi a Google per sostenere i quotidiani in crisi. Ma la richiesta è paradossale. Lo stato deve intervenire con fondi pubblici e trasparenti tassando gli editori "ricchi" (come le tv) per sostenere quelli discriminati dal mercato

Il governo nomina il nuovo capo, è Pansa

Adriana Pollice

In curriculum pieno di successi e un'ombra: da prefetto di Napoli finisce indagato nel giro di affari che dal ’94 ha ingoiato milioni senza mai approdare a un ciclo di smaltimento. Finì con un'archiviazione

Partiti nuovi, pagati dalle lobby

Andrea Fabozzi

Il governo trova l'intesa per la cancellazione del finanziamento pubblico. D'ora in poi largo ai privati e, se i cittadini lo sceglieranno, al meccanismo del due per mille. Italia eccezione europea: per dimenticare gli scandali si segue Grillo, che non si accontenta

Pane in festa, così si mangia sano

Dafne Chanaz

Basta con il lievito di birra e la farina 00 che gonfiano l’impasto, lo rendono poco digeribile e creano terreno fertile per le malattie. Oggi la pagnotta si fa in casa, con le antiche varietà di grano e il «segreto» della pasta madre. A Roma un evento per conoscerlo

Ryanair, lavoro low cost

Anna Maria Merlo

Un tribunale chiede 225mila euro di multa e il sequestro di 4 Boeing della compagnia che non rispetta il diritto del lavoro francese

Battaglia finale a Qusayr

Michele Giorgio

I governativi, appoggiati dai guerriglieri di Hezbollah, incontrano la resistenza accanita dei ribelli che avrebbero ricevuto rinforzi dalla brigata islamista Tawhid. Oggi entra in vigore il nuovo regime di sanzioni dell'Ue che non esclude più le forniture di armi all'opposizione anti-Assad

Istanbul brucia per Gezi Park

Gina Musso

Violente cariche della polizia contro i manifestanti che si sono accampati nel parco di piazza Taksim per impedire alle ruspe di sradicare 600 alberi. Un centinaio i feriti. Il comune al posto dello storico luogo di ritrovo vuole costruire un centro commerciale

Reportage

I ragazzi di Santa Cruz volano sul marciapiede

Valentina Veneroso

Schiavi della colla nel centro pulsante della smisurata metropoli dell’oriente boliviano. Dietro ai centri commerciali, i centri di accoglienza. La città più popolosa e contraddittoria del paese nasconde una realtà di esclusione che neanche Morales riesce a intaccare. Droghe inalanti, baby-prostituzione ed enormi scritte ovunque a ricordare che «Gesù ti ama»

Il coccodrillo Lyle prende casa a Manhattan

Benedetto Vecchi

Il personaggio nato dalla penna e matita dello statunitense Bernard Waber è diventato uno dei personaggi più amati dai bambini americani, anche dopo la morte del suo creatore

Visioni

Ti amerò fino alla fine dei secoli

Francesca Pedroni

La favola in chiave gotica e vampiresca di Matthew Bourne è una danza di grande fantasia, con ammiccamenti al musical e al cinema, tra grottesco e en travesti, rose rosse e rose nere traditrici

ALIAS

Zona Franca

Gianni Manzella

Censuratissima, sfrontata, capocomica della rivoluzione

BELLA CIAO

Franca Rame, l’ultimo debutto nella piazza rossa

Luca Fazio

In tanti, molte donne, per i funerali laici di Franca Rame al Piccolo di Milano. Il commiato di Dario Fo è una pièce scritta da lei e un «ciao» straziante. Il saluto del figlio Jacopo racconta delle sue battaglie e dello stupro fascista