closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp

Edizione del 01.04.2015

I nuovi dati dell’Istat sull’aumento della disoccupazione (dal 12,6 al 12,7%) smentiscono clamorosamente la propaganda del governo (e dell’informazione subalterna) sul miracolo del Jobs act. Niente lavoro soprattutto per i giovani, un esercito che sale dal 41,2% al 42,6% mentre in Europa la media è del 21,1%

Lavoro

Renzi, la Waterloo dell’occupazione

Roberto Ciccarelli

I cacciatori di farfalle di Palazzo Chigi smentiti dai dati Istat e del ministero del lavoro. Aumenta la disoccupazione, i più colpiti giovani e donne. I gufi non c’entrano. È l’effetto di una politica in crisi. Nessuna ripresa in vista e conti sbagliati. Il governo non vede le cessazioni dei contratti e la precarietà. Camusso: «È un nauseante balletto sui dati»

CATANIA

La denuncia paga: presi i caporali dopo il film della Cgil

Antonio Sciotto

Nove arresti in seguito a un esposto e a un documentario prodotti dal sindacato: i carabinieri sgominano una banda di rumeni e italiani. Al lavoro anche donne e minori, costretti a vivere in baracche senza acqua né servizi igienici. E intanto la Coca Cola contatta la Flai per mettere su una "filiera etica"

Scuola

Buona Scuola, ultima fermata prima di Pasqua

redazione scuola

L'urgentissima riforma ferma ai box in vista delle vacanze. La ministra dell'Istruzione Giannini si dice fiduciosa sull'iter parlamentare e esclude un decreto d'urgenza per l'assunzione dei precari

Miracolo romano: il Pd torna uno e indivisibile

Eleonora Martini

Matteo Orfini strglia consiglieri comunali e municipali e li incita a una rivoluzione di legalità: «A Roma non esistono un partito nazionale e uno locale. Ce n'è uno solo e ha i volti di Renzi, Marino e Zingaretti»

L’antimafia al lavoro nella città di Flavio Tosi

Luca Fazio

Per la presidente della Commissione Rosy Bindi la città scaligera "è un punto di fragilità nella regione Veneto dal punto di vista delle inflitrazioni della criminalità organizzata". Per il sindaco sono solo "parole strampalate che si inseriscono in un clima da campagna elettorale"

I venti giorni dell’Italicum

A. Fab.

Strada in salita per la legge elettorale in prima commissione alla camera. Il confronto comincia dopo pasqua. Deciso il relatore (e il Pd ne vuole subito un altro), Renzi è in minoranza ma non vuole cambiare niente

Roma, il comune è moroso ma l’Acea taglia l’acqua a 300 persone

Samir Hassan

Assurdo braccio di ferro tra l'azienda e l'amministrazione Marino. Le vittime sono le famiglie in un super-comdominio in via Giolitti. Forum italiano dei movimenti per l’Acqua: "Non c'è da stupirsi se i cittadini dovessero dar vita a forme autogestite di riallaccio"

La fine delle quote latte

Anna Maria Merlo

Il programma durava da 31 anni, con lo scopo di lottare contro la sovrapproduzione. José Bové: "una data triste". Ma per la Commissione "non ci sono rischi di caduta dei prezzi", perché il mercato mondiale tira. La vittoria della produzione industriale a scapito dell'agricoltura contadina. Le pressioni di Germania, Olanda e Gran Bretagna, le reticenze di Italia e Spagna. La Francia tra difesa dei piccoli produttori e la grande industria

NIGERIA AL VOTO

Buhari, da generale golpista a presidente eletto

Gina Musso

Il paese più popoloso d’Africa cambia verso. La vittoria di Muhammadu Buhari, ex dittatore «convertito alla democrazia» e musulmano. Fatali per il cristiano Goodluck Jonathan gli scarsi risultati ottenuti contro i politici corrotti e gli insuccessi militari contro Boko Haram

Reportage

Israele, «depositi di bambini» per i figli dei migranti

Michele Giorgio

Gli africani sono costretti per necessità a lasciare i figli per tutto il giorno in asili nido improvvisati e privi di strutture minime dove le condizioni sono disumane: dall'inizio dell'anno sono morti cinque piccoli. Dal governo Netanyahu intanto nuovo giro di vite sull'immigrazione da Sudan e Eritrea

Cultura

Velázquez si fa parigino

Anna Maria Merlo

Al Grand Palais di Parigi si è aperta una mostra che riunisce insieme 51 opere del pittore del Secolo d'oro, con prestiti eccezionali dalla Spagna e dall'America. Le Meninas però sono rimaste a casa, al Prado

Il bacio spudorato

Marina Montesano

Un percorso di letture sul Medioevo e i suoi simboli. Dalle ritualità demoniache che rovesciano gli ideali cavallereschi ai dati tecnici per la falconeria di Federico II

La metafisica del popolo sovrano

Francesco Marchianò

Dall’«Uomo Qualunque» alla teatralità del «Movimento 5 stelle». Il populismo italiano nel saggio di Marco Tarchi per Il Mulino.E in Francia l’uscita dall’euro, un welfare state solo per i francesi, la difesa della nazione e la battaglia contro i migranti sono gli orizzonti primari e gli elementi del successo del «Front national». L’analisi del ricercatore Nicola Genga

Visioni

La battaglia delle bionde

Francesca Angeleri

Il torinese Michele Fornasiero racconta in «SmoKings» la storia dei fratelli Messina in carcere per evasione e contrabbando e della loro azienda, la Yesmoke

La pace in Uganda comincia dalle donne

Elfi Reiter

«Kevin» di Elisa Mereghetti e Marco Mensa, è la storia di una giovane reporter di Kampala che raccoglie le memorie delle vittime della guerra civile

La politica della coalizione sociale

Guido Viale

L’iniziativa proposta da Landini non è solo un ritorno alle origini mutualistiche del movimento operaio ma è anche la costruzione territoriale e trasversale di alleanze politiche e, perché no, caso per caso, anche elettorali. A cominciare dalle prosssime amministrative