closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp

Edizione del 01.03.2015

Neofascisti e don Milani, caccia ai rom e no all’euro. Matteo Salvini riempie la prima piazza romana della Lega e punta a una destra del 51%. Lo accompagnano croci celtiche e ex berlusconiani. Decine di migliaia di persone al contro corteo antirazzista

Politica

Un Tea Party con i fascisti

Andrea Fabozzi

Un po’ di grillismo, un po’ di renzismo e tanto neo fascismo per la piazza del segretario leghista. Che comincia a imbarcare transfughi. E che tra don Milani e "fuori i Rom" si propone per guidare una destra maggioritaria

A Roma in 30 mila urlano: «Mai con Salvini»

Roberto Ciccarelli

Il successo del corteo contro il flop dei «fascioleghisti» radunati a piazza del Popolo. L’imponente affermazione di una piazza democratica e anti-razzista dimostra l’esistenza di un’altra opposizione alle politiche neoliberiste di Renzi e del Pd. «In piazza oggi c'è la Roma gioiosa che "po esse piuma e po esse fero e che oggi è stata piuma"»

MOSCA

Delitto sotto le finestre dello «zar» Putin

Fabrizio Poggi

Per Gorbaciov c’è chi vuole «destabilizzare la Russia inasprendo le contrapposizioni». Gli organizzatori della marcia anti crisi «Primavera», che il leader liberale ucciso avrebbe dovuto guidare proprio oggi, parlano di «omicidio politico»

Il mio liceo con Ronconi

di Giovanni Agosti

Dall’«Orlando» tv al laboratorio di Prato, lo storico dell’arte Giovanni Agosti rievoca la sua formazione nel folle amore per il regista

Canetti tra il riso e la meraviglia

Fabio Pedone

Negli «Aforismi per Marie-Louise», consegnati nell'ottobre del 1942 alla pittrice von Motesiczky, l'autore di «Massa e potere» testimonia lo stato germinale della sua ricerca sulla scrittura lampo e, insieme, documenta una amicizia amorosa destinata a durare fino alla morteSA DESTINATA A DURARE FINO ALLA MORTE

Storia di Gesù al filtro del proprio Io

Andrea Bajani

Per raccontare di sé, sebbene in terza persona, l'autore del "Regno" cede la scena all’evangelista Luca, e alla storia della nascita del cristianesimo

Il gran ritorno del soldato Svejk

Valentina Parisi

Beffardo e imboscato, il fantaccino ha oscurato la fama del suo autore, che non sfuggì alla censura nonostante i suoi virtuosistici indugi sulla soglia tra verosimiglianza e parodia