closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp

Edizione del 05.06.2014

Grandi opere, grande corruzione. Dopo l’Expo, ora tocca al Mose di Venezia, il progetto più costoso del Paese. La magistratura spicca 35 mandati di arresto per tangenti milionarie. Nell’inchiesta imprenditori e politici di destra e di sinistra. Ai domiciliari il sindaco Orsoni, chiesto l’arresto per Galan, senatore di Fi, protetto dall’immunità

L'inchiesta

Mose, il mostro della Laguna

Sebastiano Canetta, Ernesto Milanesi

Crolla la facciata del Veneto. Fondi neri, finanziamenti occulti, concussioni e complicità, la grande opera di Venezia, la più costosa del Paese, è marcia. Trentacinque gli arresti: ai domiciliari il sindaco Orsoni (Pd), accusato di finanziamenti illeciti; chiesto l’arresto per l'ex governatore, e deputato di FI, Galan

IL MANIFESTO

Nella stessa Direzione

Norma Rangeri

Il collettivo del manifesto ha eletto Tommaso Di Francesco condirettore con l'89,47% dei voti. Auguri a Tommaso e a tutti noi

Lista Tsipras

Sel, spuntano due mozioni

Daniela Preziosi

Irpef, caso Spinelli e rapporto con il Pd. Vendoliani verso lo show down. Oggi la capolista spiegherà perché andrà in Europa. Verso la lotteria per il terzo posto. Furfaro o Forenza? i 'garanti' non risolvono ancora il dilemma dei suoi tre europarlamentari. E il «processo unitario» è già alla prova del nove

Politica

Riforme, il governo non ha i numeri

Andrea Fabozzi

Il cosiddetto "Modello francese" non ha i voti in commissione. Per il nuovo senato renziani costretti a cercare una mediazione con Berlusconi. Intanto prendono tempo

Dopo l’imbarazzante Farage, Grillo chiama i Verdi europei per cercare un’alleanza più pulita

Luca Fazio

Con una lettera sul blog il capo del M5S chiede un incontro al segretario generale Vula Tsetsi per "un'eventuale collaborazione". I Verdi si sono subito riuniti in assemblea per decidere come gestire questa esplicta richiesta di alleanza. Nel frattempo, i deputati alla Camera sono alla resa dei conti per modificare gli assetti dello staff della Comunicazione colpevole di aver redatto un dossier sugli errori compiuti durante la campagna elettorale.

Lavoro

Siderurgia anno zero

Riccardo Chiari

Sindacati non chiamati al vertice sulla Ast di Terni. Mentre a Piombino si manifesta anche domani

Call center revolution

Antonio Sciotto

Una marea di cuffiette e microfoni invade Roma. È il «no delocalizzazioni day»: i lavoratori chiedono appalti in regola e garanzie contro la fuga all’estero delle aziende. Che in parte condividono

Diplomazia gastronomica in soccorso della distensione

Anna Maria Merlo

Putin escluso dal G7, che si svolge a Bruxelles invece che a Sochi, è il convitato di pietra del summit dove si discute dell'Ucraina: la Ue propone una conferenza dei donatori. Merkel minaccia sanzioni alla Russia, ma per il momento è stand by, Putin più conciliante. Tensione Francia-Usa sulla maxi-multa alla Bnp

La parola non è frutto del mistero

Francesco Ferretti

Una risposta all’ennesimo attacco di Massimo Piattelli Palmarini contro la lettura dell’orgine del linguaggio in una prospettiva evoluzionistica. Del resto, anche altri autorevoli studiosi capitanati da Noam Chomsky preferiscono alludere a un evento esplosivo

Lo scozzese prigioniero del mercato

Roberto Ciccarelli

«Adam Smith. Morale, jurisprudence, economia politica» di Adelino Zanini. Considerato il progenitore del neoliberismo, è stato invece un acuto e irrequieto interprete del nascente capitalismo industriale

Visioni

Tutta l’anarchia pop dei Beatles

Flaviano De Luca

Il 9, 10 e 11 giugno, a cinquant’anni dall’uscita torna nelle sale rimasterizzato «A hard day’s night» ovvero la celebrazione in b/n dei quattro baronetti

The Jam Bo, la coscienza hip hop

Pierfrancesco Pacoda

Dal 6 all'8 giugno una kermesse che celebra il genere nato nei ghetti neri di New York a metà anni 70. Ospiti Public Enemy, Militant A e Rocco Hunt