closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp

Edizione del 09.04.2014

Il governo approva il Documento di economia e finanza. Riforme, tagli, tetti agli stipendi, tante privatizzazioni e una certezza: la «crescita» non produrrà lavoro, il decreto Poletti non avrà effetti. I disoccupati resteranno 3 milioni, in flessione nel 2015 e 2016. La promessa di Renzi di scendere sotto il 10% è già svanita

Economia

Renzi, lo sforbiciatore che corre nel buio della recessione

Roberto Ciccarelli

Il governo approva il Documento di economia e finanza per il 2014. Riforme, tagli, tetti agli stipendi, tante privatizzazioni e una certezza: la «crescita» non produrrà lavoro, il decreto Poletti non avrà effetti. I disoccupati resteranno 3 milioni, in flessione nel 2015 e 2016. La promessa del presidente del Consiglio di scendere sotto il 10% è già svanita

L’argomento di Callicle

Marco Revelli

Il fascino cupo del carisma ritorna, come extrema ratio, e contrappone l’Azione al Pensiero, il Demiurgo al Riflessivo, il Fare al Pensare. Dall’intellettuale dei miei stivali di craxiana memoria al renzismo di oggi. Un po’ Craxi, un Po’ Berlusconi, con la velocità del prestigiatore

Politica

Eurolandia, così non va

Riccardo Chiari

Nella relazione del Fondo monetario dati molto negativi sulla crescita del vecchio continente. Molte le critiche mosse verso la cosiddetta «austerità espansiva»

Rischiatutto in commissione

Andrea Fabozzi

Renzi teme la confluenza delle opposizioni sulla elettività dei senatori. Continui richiami all’ordine ai «dissidenti» del Pd. Che però non ritirano la proposta alternativa

Rubriche

Frequenze stregate

Vincenzo Vita

È urgente avviare una seria e rigorosa “spectrum review”, per introdurre criteri democratici volti a catalogare e a valorizzare l’utilizzo delle risorse tecniche. Gestite impropriamente con logiche proprietarie

“Il governo investa sull’economia verde”

Antonio Sciotto

Sono oltre 180 mila i posti persi tra i tessili, i chimici, gli elettrici. Il sindacato chiede a Renzi di scommettere sull'ambiente e di non svendere "gioielli" come l'Enel

TRAGEDIA SUL LAVORO

A Molfetta la cisterna della morte

Gianmario Leone

Fine atroce per due operai di Bitonto al lavoro nell’azienda ittica Di Dio. Padre e figlio di 50 e 28 anni, per salvare l’altro fratello del giovane, annegano nel serbatoio delle acque reflue, storditi dalle micidiali esalazioni. La procura di Trani ha aperto un’inchiesta per omicidio colposo. Poco distante dall’impianto c’è la Truck Center, dove nel 2008 persero la vita cinque lavoratori. E quel processo è ancora in corso

Italia

Corsera, a rischio la direzione De Bortoli

Giorgio Salvetti

Dopo l'ennesimo scontro con l'amministratore delegato di Rcs Jovane e un'intervista rilasciata a Report, la Fiat e gli Agnelli sarebbe pronti a dargli il ben servito e a sostituirlo con Calabresi e Anselmi

Rubriche

Onu, sulla droga il consenso non c’è più

Jamie Bridge

I paesi non hanno raggiunto un accordo su questioni nodali quali la riduzione del danno, la pena di morte e la preparazione della Sessione Speciale dell’assemblea generale delle Nazioni unite (Ungass) del 2016

L'inchiesta

Fecondare con un dono il divieto incostituzionale

Bruno de Filippis

Oggi l’Alta corte potrebbe smantellare una delle ultime proibizioni della legge 40. Vietare la procreazione assistita con gameti estranei alla coppia viola il diritto alla genitorialità e alla salute psichica e fisica delle persone

Europa

Valls chiede fiducia (e svela un piano un po’ renziano)

Anna Maria Merlo

Dopo la sconfitta alle municipali Manuel Valls ottiene una maggioranza confortevole di 306 voti contro 239, dopo un discorso basato sulla continuità ma sostanzialmente sincero. Precisato il Patto di responsabilità, con azzeramento dei contributi sul salario minimo e 500 euro in più in busta paga l'anno. Mano tesa all'impresa, mentre i tagli ai costi restano nel vago. La transizione energetica è "una priorità". Dimezzate le Regioni (da 22 a 11). Annunciato il "braccio di ferro" con Bruxelles

Crisi a Kiev

Mosca: «In Ucraina rischio guerra civile»

Joseph Giles

Duri scontri nell’est russofono e in parlamento a Kiev tra neonazisti e comunisti. 15 feriti anche nel sud del paese. «Purga» lealista tra le forze di polizia delle regioni orientali. Il Cremlino insiste per una soluzione federale e accusa: 150 i «contractor» Usa sul terreno

Lo charme di Xi Jinping conquista l’Europa

Simone Pieranni

Il Dragone risponde alle attività americane nel Pacifico, con l’abilità diplomatica del suo numero uno: «La nostra ascesa è per il benessere e non è una minaccia». Conclusi importanti affari con Olanda, Francia e Germania

Cultura

Oggetti alla Proust

Rossella Menegazzo

«Source material»: 54 oggetti per 54 personaggi. Ecco le fonti di ispirazione per David Chipperfield, Italo Lupi, chef come Fergus Henderson, designer come Naoto Fukasawa

Paesaggi leggeri

Rossella Menegazzo

L'avanguardia guarda all'armonia della natura. Il Giappone sale sul podio, grazie alle invenzioni di Nao Tamura e Torafu Architects, fra le mille creazioni al Salone e Fuorisalone di Milano

Il lato oscuro del potere

Guido Caldiron

Un incontro con lo scrittore Michael Dobbs. Il suo romanzo «House of Cards» esce in questi giorni per Fazi, mentre su Sky da oggi va in onda la versione televisiva

Salviamo il sapere antico

Valentina Porcheddu

La prestigiosa scuola di Atene è a rischio chiusura, mancano investimenti e strategie lungimiranti. Il suo direttore Emanuele Greco lancia un appello

Il rivoluzionario che amava le formiche

Alberto Grifi

Addio a Aldo Braibanti, scrittore, poeta, drammaturgo, filosofo, ecologo, partigiano. intellettuale fuori dal coro, riferimento per le nostre avanguardie artistiche. In questo estratto da Alias del 2001, lo ricorda Alberto Grifi