closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

Edi, un’eroina spavalda e irrequieta nel teatro della giovinezza

Dopo la recente «sorella» di Gesucristo, un’altra eroina esce dalla scrittura di Oscar De Summa e va a spezzare una lancia in favore della giovinezza. È l’adolescente Edi, protagonista di La cerimonia che l’autore-attore-regista pugliese presenta (al Fabbrichino di Prato, fino a oggi, prodotto dal Teatro Metastasio) come primo capitolo di una nuova trilogia, che si pone questa volta l’obiettivo di rintracciare le forme del mito nella società contemporanea. In una scatola scenica bianca, quattro personaggi si espongono in un irreale e soffocante interno familiare, seduti immobili intorno a un tavolo, già pronti per la scena finale. Sono Edi(po), i...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi