closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Italia

Eddi è pericolosa perché è un’attivista

Italia/Rojava. In assenza di un reato, il Tribunale di Torino conferma la sorveglianza speciale per Maria Edgarda Marcucci, combattente italiana Ypj: «È l’anomalia torinese: procura e tribunale fanno sentire il loro peso politico sul territorio. È un decreto ideologico, tradisce un pregiudizio verso una parte della società»

Presidio a Torino contro l’invasione turca del Rojava

Presidio a Torino contro l’invasione turca del Rojava

Tutto confermato: per il Tribunale di Torino Maria Edgarda Marcucci, attivista femminista, No Tav, combattente nelle unità femminili curde Ypj nel Rojava, è socialmente pericolosa. Il contorsionismo giuridico che a marzo di quest’anno le impose la misura della sorveglianza speciale è stato ribadito due giorni fa. Resta in piedi, dunque, l’architettura politica – ben poco giuridica – imbastita dalla Procura di Torino, dalla pm Pedrotta e dalla Digos e che la costringerà fino a marzo 2022 a vivere in semilibertà in assenza di reato e condanna. [caption id="attachment_476961" align="aligncenter" width="512"] Maria Edgarda Marcucci[/caption] Unica dei combattenti italiani nel Rojava minacciati...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.