closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Alias Domenica

Ed Atkins, la solitudine cibernetica

Una mostra di Ed Atkins al Castello di Rivoli. In cinque video-stazioni l’artista inglese dà vita a una serie di suoi avatar: «io» di pixel e byte, gelidi e inquietanti

Ed Atkins in una delle video-stazioni della mostra del Castello di Rivoli

Ed Atkins in una delle video-stazioni della mostra del Castello di Rivoli

"Verum et factum reciprocantur seu convertuntur", cioè l’azione e i fatti si convertono nella verità, e viceversa. Con una sola frase Giambattista Vico riassumeva così una delle più sostanziose critiche mosse al razionalismo cartesiano del diciassettesimo secolo. Non la verità è accessibile alla conoscenza umana, ma solo il verosimile. Vale a dire: l’uomo ha la sola certezza della storia che egli stesso scrive, tutto il resto rimane nelle mani di Dio. Una vera e propria rivoluzione vichiana, dove, con gli strumenti della filologia e della filosofia, la conoscenza viene a conformarsi come storiografia delle culture e delle civiltà. Nell’antichità, possiamo...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi