closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Politica

Ecco il compromesso senato

Riforme. Presentati gli emendamenti concordati con Lega e Forza Italia. Rinvio sul sistema di elezione. Calderoli esulta per i passi indietro sul Titolo V: più autonomia alle regioni. Renzi: pianti pure le sue bandierine. I senatori saranno eletti da (e tra) i consiglieri regionali, più 21 sindaci. Ma come lo deciderà una legge ancora da scrivere

La ministra per le riforme Maria Elena Boschi

La ministra per le riforme Maria Elena Boschi

«Con la presidente Finocchiaro e altri volenterosi riformisti abbiamo percorso l’ultimo miglio. Ci manca solo l’ultimo millimetro e poi si parte per cambiare finalmente questo paese». Nel pomeriggio romano, mentre i senatori aspettano gli emendamenti dei relatori al disegno di legge costituzionale del governo, e tutti gli altri aspettano Italia-Costarica, arriva la benedizione di Roberto Calderoli. Il leghista ha già «cambiato questo paese» almeno un altro paio di volte, con la «Devolution» e con il «Porcellum», e poi c’è stato bisogno di cambiare i cambiamenti. Calderoli è uno dei padri del nuovo testo di riforma, qualsiasi cosa questo voglia dire;...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi