closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
L'Ultima

È viva la «Congresa»

Messico. I collettivi femministi del Quintana Roo occupano da due mesi il Congresso dello Stato. E senza che sia fissata una data in cui discutere le loro proposte di legge su aborto e femminicidi non se ne andranno

Nell'edificio del Congresso dello Stato occupato

Nell'edificio del Congresso dello Stato occupato

Chetumal, nel sud dei Caraibi messicani, è la periferica capitale dello stato di Quintana Roo. A sud confina con il Belize e 300 km più a nord si trova Cancún, paradiso del turismo mondiale che dal 9 novembre di quest'anno è salita agli onori delle cronache internazionali a causa della repressione poliziesca. Lo stato ha risposto mettendo sotto accusa 11 agenti e sollevando dall'incarico il capo della polizia municipale. A Chetumal il 16 novembre, 26 collettivi femministi di tutta la regione riuniti nella "Red Feminista Quintarroense" hanno presentato un’istanza articolata in 54 punti e 10 proposte di legge allo scopo...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi