closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

È sempre il momento di Ubu re, che il mondo lo voglia oppure no

Teatro. A Roma, Teatro Argentina, il capolavoro di Alfred Jarry, con la presenza di due attori napoletani, Massimo Andrei e Gea Martire, come Ubu e Madre Ubu, che imprime una inclinazione verso non tanto sotterranei recessi partenopei

Foto di scena: Claudia Pajewski

Foto di scena: Claudia Pajewski

Ubu re (e il suo inventore ovviamente, Alfred Jarry) è davvero un padre di tutto il teatro moderno. Dal debutto a Parigi, 1896, ha terremotato e influenzato tutto il 900 e le sue avanguardie, con i suoi sogni di potenza, le sue debolezze e la forza erculea delle sue sbruffonate. Insomma è davvero un testo «sacro» (dietro la sua apparente «blasfemia»),anche oggi che pure la realtà ha superato tutto quello che lui aveva potuto immaginare: congiure, ambizioni, colpi di stato, spartizioni di regni e invenzione di geografie immaginarie, oggi informazioni presenti in ogni notiziario, come la sua conquista del trono...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.