closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

E le stelle stanno a guardare

Roma Capitale. Le vicende del Teatro Eliseo e dell'Opera aprono una serie di questioni sul futuro complessivo dello spettacolo italiano, rivelando l'eredità dei troppi difetti accumulati negli anni

Situati, per l’immancabile ironia della sorte, a trecento metri l’uno dall’altro, sulla romana via Nazionale, il Teatro Eliseo e il Teatro dell’Opera danno insieme la perfetta fotografia della scena italiana, «nazionale» appunto. E in qualche modo, insieme, della «nazione» cui si vuole appellare il Partito democratico, o almeno il suo leader. I fatti sono noti, anche il manifesto ne ha ieri ampiamente riportato le cronache. All’Eliseo un ufficiale giudiziario con agenti in tenuta antisommossa, ha sfrattato l’attuale gestione artistica del teatro, su richiesta della parte maggioritaria della proprietà delle mura della storica sala romana, sospendendo di fatto il lavoro delle...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.