closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Cultura

E il ghibellin fuggiasco profeta del Risorgimento divenne un’icona pop

SCAFFALE. «Il Sommo italiano. Dante e l’identità della nazione» di Fulvio Conti, pubblicato da Carocci

Dante, in un'edicola fiorentina (licenza wikicommons)

Dante, in un'edicola fiorentina (licenza wikicommons)

Tra il profluvio di libri dati alle stampe in questi mesi in occasione del settecentesimo anniversario della morte di Dante Alighieri, fa capolino nelle librerie anche un volume dello storico Fulvio Conti, che si distingue dalla gran parte dei contributi di taglio letterario per l’originale approccio alla complessa eredità politico-culturale di Dante (Il Sommo italiano. Dante e l'identità della nazione, Carocci, pp. 244, euro 18). QUELLA TRATTEGGIATA da Conti è un’attenta ricostruzione della diversa declinazione del mito del «sommo poeta» nelle varie fasi della storia italiana dal Settecento ai giorni nostri, una storia culturale dell’uso politico di Dante, cartina di...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi