closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Italia

«È finita la pacchia», sgombero con ruspe del campo sinti di Gallarate

Il sindaco leghista ci mette la firma. Le famiglie respingono la proposta della tenda mobile per i minori e un solo genitore, o per gli over 65. L'avvocato: «Chiedono solo una soluzione dignitosa che non implichi la divisione delle famiglie»

Lo sgombero del campo sinti di Gallarate

Lo sgombero del campo sinti di Gallarate

Blitz delle forze dell’ordine nel campo dei sinti italiani di Gallarate per sgomberare e abbattere le case mobili a fianco dell’autostrada verso Varese, dove vivono 24 famiglie. La decisione l’ha presa il sindaco leghista, Andrea Cassani, che già a ottobre si è vantato su Facebook di essere la prima amministrazione in Italia «a sfruttare appieno la direttiva Salvini», annunciando lo sgombero del campo sinti «senza destinare alloggi alternativi ai nomadi». Ieri ha mandato le ruspe. Seguendo le indicazioni della circolare sulle occupazioni, infatti, sono state due le proposte avanzate dall’amministrazione alla novantina di risiedenti nel campo: ricevere 1.000 euro una...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi