closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

È contro il muslim ban: Trump licenzia la ministra «ribelle»

Terminal America. Yates (nominata da Obama e in attesa del successore) aveva ordinato ai dipendenti del ministero della Giustizia di non difenderlo nei tribunali. Sostituita dal fedele Boente, decreto già riattivato. Aziende contro il presidente, anche Occupy Wall Street «rilancia» Starbucks. Anonymous si scatena

Protesta anti-Trump alla Corte suprema

Protesta anti-Trump alla Corte suprema

Nella tarda serata di lunedì Donald Trump ha sollevato Sally D. Yates dal proprio incarico di ministro della Giustizia ad interim, dicendo che l’ha tradito ordinando agli avvocati del suo dicastero di rifiutarsi «di difendere i confini con l’ordine esecutivo per i cittadini di sette paesi a maggioranza musulmana», mettendoli al bando. In pratica, difendendo la costituzione. «La mia responsabilità è quella di assicurare che le posizioni che assumiamo in tribunale rimangano coerenti con il solenne obbligo di questa istituzione di perseguire sempre la giustizia e stare dalla parte del giusto – aveva dichiarato Yates – Ma al momento non...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.