closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

E al primo contagio l’America si scopre insicura

Ebola. Il caso dell'infermiera infettata dal "paziente zero" malgrado i dispositivi di sicurezza. Polemiche sul vaccino "possibile"

La messa in sicurezza dell’appartamento di Nina Pham a Dallas

La messa in sicurezza dell’appartamento di Nina Pham a Dallas

Rimane ricoverata a Dallas l’infermiera Nina Pham di 26 anni, la prima persona a contrarre l’Ebola nel continente Americano. Per le autorità non poteva esserci notizia peggiore. Il contagio di Dallas infatti infrange la narrativa della malattia contenibile a patto di aderire a precise profilassi di biocontenimento. A Dallas il personale medico, compresa l’infermiera ammalata, avrebbero curato Thomas Eric Duncan, il «paziente zero» giunto malato dalla Liberia, utilizzando tutte le misure di precauzione prescritte comprese tute integrali e procedure di isolamento in teoria di gran lunga superiori a quelle disponibili nel focolaio africano dell’epidemia. Malgrado questo un unico primo caso...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.