closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Duro monito del papa: «Guerra chiama guerra»

Gaza. Il pontefice: dolore per le vittime. Scontro aperto tra Israele e Turchia: scambio di accuse e ambasciatori ritirati, ma il precedente della Mavi Marmara fa sorgere dei dubbi. Intanto il Guatemala segue Trump: ieri l’ambasciata è stata trasferita a Gerusalemme

Manifestanti lanciano pietre contro l'ambasciata israeliana ad Atene

Manifestanti lanciano pietre contro l'ambasciata israeliana ad Atene

«Guerra chiama guerra, violenza chiama violenza». Sulla strage di Gaza papa Francesco non ha usato ieri mezzi termini: «Esprimo il mio grande dolore per i morti e i feriti. Ribadisco che non è mai l’uso della violenza che porta alla pace». Un monito duro a Israele che si ritrova anche nelle parole delle chiese cattoliche in Palestina: i vescovi della Terra Santa hanno chiesto la fine immediata dell’assedio israeliano su Gaza e criticato la mossa unilaterale di Trump su Gerusalemme: «Sia città aperta a tutti i popoli – scrivono – Non c’è motivo che possa impedire alla città di essere...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi