closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Rubriche

Dumoulin, il vincitore senza soprannome

Contagiro 2018/Tappa 1. La corsa, sulla strada, ricomincia da dov’era finita un anno fa, con l'olandese che si veste di rosa dopo dieci km scarsi di cronometro

Tom Dumoulin festeggia il podio nella prima tappa

Tom Dumoulin festeggia il podio nella prima tappa

Parte per la prima volta fuori dall’Europa, questo Giro d’Italia edizione centoeuno. Attendato a Gerusalemme, al riparo di quella che Eyal Weizmann chiama per la Palestina «architettura dell’occupazione», il Barnum del ciclismo omaggia il nome di Bartali, scolpito tra i giusti delle nazioni nello Yad Vashem. La propaganda è tutta sulla «sicurezza». Di chi, non si specifica. L’entusiasmo della gente per le strade copre il rumore della guerra prossima ventura, nei paraggi, a distanza di una semi-tappa. Qui si resta per tre giorni, prima di riguadagnare la Sicilia e da lì risalire lo stivale, con rari ammiccamenti, rispetto al passato,...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi