closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Commenti

Due storie concatenate sulla Calabria e sul Paese

Sanità . Si sta svolgendo nella Regione una dura guerra sulla pelle dei governati: il commissariamento del Servizio Sanitario a tutto guarda tranne che alla salute dei cittadini

Palazzo Tommaso Campanella, sede del Consiglio regionale della Calabria

Palazzo Tommaso Campanella, sede del Consiglio regionale della Calabria

La prima: una spietata guerra si sta svolgendo sulla pelle dei cittadini calabresi. Nel vero senso della parola, dal momento che il commissariamento del servizio sanitario (cioè di tutto ciò che muove soldi in Calabria insieme alle opere pubbliche) a tutto guarda tranne che alla salute dei calabresi. NESSUNA IDEA sul potenziamento (o meglio sull’adeguamento, non pretendiamo la luna) dei servizi di emergenza urgenza e sull’efficientamento di quelli territoriali (ambulatori, medici di famiglia, laboratori, specialistica), nessun sussurro sul riassetto della rete ospedaliera, non diciamo nuovi ospedali o eccellenze assolute ma livelli qualitativi sufficienti dei reparti normali; nessuno, proprio nessuno, (solo...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi