closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Italia

Due procure indagano per i casi in Sicilia

Covid. Ipotesi omicidio colposo. Dai magistrati un gesto simbolico: il procuratore di Catania, Carmelo Zuccaro, e il pm di Siracusa Gaetano Bono, si sono vaccinati con AstraZeneca subito dopo aver svolto i primi atti istruttori

Il procuratore di Catania Carmelo Zuccaro

Il procuratore di Catania Carmelo Zuccaro

Ora il rischio è la psicosi. Le due morti «sospette» in Sicilia, dopo la somministrazione delle dosi di AstraZeneca, stanno creando apprensione nel pieno della campagna vaccinale, da poche ore aperta anche agli over70. Il governo Musumeci ha chiesto all’Aifa e all’Ema di fare subito chiarezza. E ha fornito i numeri del lotto ABV2856 sequestrato dai Nas: 2.306 dosi. In totale erano di 20.500, 18.194 quelle già somministrate. Due le Procure che stanno indagando per omicidio colposo: Siracusa e Catania. Le vittime sono Stefano Paternò di 43 anni, maresciallo della marina militare in servizio ad Augusta, e Davide Villa, 50...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.