closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Due kamikaze al mercato, Baghdad ritorna nell’incubo

Iraq. Almeno 32 morti e 110 feriti. Gli analisti: è l’Isis. Il premier minaccia i servizi di sicurezza: ultima chance. Ma gli attivisti iracheni temono una strategia della tensione interna in vista del voto di ottobre

Le forze di sicurezza irachene sul luogo dell'attentato di ieri a Baghdad

Le forze di sicurezza irachene sul luogo dell'attentato di ieri a Baghdad

I banchi del mercato di piazza Tayaran, al centro di Baghdad, erano attorniati dai clienti ieri mattina. È tra di loro che si sono fatti strada due uomini e le loro cinture esplosive. Invisibili agli occhi. Si sono fatti saltare in aria in mezzo alla folla: almeno 32 i morti, oltre 110 i feriti. Le foto mostrano lo strazio: corpi riversi a terra, sangue sui vestiti esposti nelle bancarelle, sulle scarpe per bambini cadute al suolo. Un video, ripreso da un palazzo che dà sulla piazza, mostra il momento in cui uno dei due attentatori si fa esplodere: l’onda d’urto...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi