closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Europa

Dramma in Portogallo, il sistema ospedaliero rischia di non farcela

Covid. In un mese quadruplicati i decessi, crescono i ricoveri e le terapie intensive, un terzo delle persone pare sia stato contagiato dal ceppo inglese, per arrivare quasi al 50% a Lisbona. Il Paese, tornato al lockdown duro, chiude i confini

L’ospedale militare di Lisbona

L’ospedale militare di Lisbona

I dati dei morti per Covid-19 in Portogallo sono schizzati a livelli oramai fuori controllo. Solo ieri sono stati 275, un po’ meno rispetto agli ultimi giorni, ma è pur sempre un dato molto elevato tenendo in considerazione il fatto che gli abitanti della antica Lusitania sono appena dieci milioni. In proporzione è come se in Italia fossero morte 1.650 persone in un solo giorno e che ciò stesse accadendo da qualche settimana. Sono numeri drammatici, anche perché diventa sempre più difficile trovare posti in terapia intensiva per chi si ammala. Fuori dagli ospedali le file delle ambulanze si allungano...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.