closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Commenti

Draghi tiene in piedi l’euro non l’economia

La Bce alla vigilia del board. Euforia sui mercati per il nuovo annuncio di liquidità. Più che i venti di guerra, cui la finanza si piega sempre volentieri, per ora contano di più le promesse del governatore

Il presidente della Bce Mario Draghi

Il presidente della Bce Mario Draghi

Sono passati più di tre anni dal famoso Whatever it takes di Mario Draghi del luglio 2012 che permise di salvare la moneta unica. Con quell’atto il Governatore cominciò a scrivere una nuova pagina nella storia della Bce, pur senza mettere mano agli statuti e ai Trattati. Al punto che Otmar Issing, la vestale dell’ordoliberalismo tedesco, lo incolpò di interventismo politico. Effettivamente quell’intervento smorzò decisamente la tempesta che avrebbe potuto di lì a poco infliggere all’euro un colpo mortale. Ma tutto questo non è servito a fare ripartire l’economia europea. Tanto è vero che di nuovo i mercati sono appesi...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.