closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Economia

Draghi ricarica il bazooka dell’euro

Francoforte. «La ripresa c’è ma va sostenuta». Il Quantitative easing sarà prorogato oltre marzo 2017. L’Unione e la Bce «schiacciate» tra la Brexit e Trump cercano respiro. E magari un po’ di inflazione

Il presidente della Bce Mario Draghi ieri era a Francoforte all’European banking congress

Il presidente della Bce Mario Draghi ieri era a Francoforte all’European banking congress

Il «bazooka» verrà prolungato oltre il marzo del 2017. Il presidente della Banca centrale europea, Mario Draghi, ieri ha annunciato che il Quantitative easing - il programma di iniezione finanziaria nel mercato comunitario iniziato nel marzo 2015 - sarà prorogato rispetto alla scadenza decisa in precedenza. La decisione non è ancora stata ufficializzata - verrà esplicitata al consiglio dell’Eurotower dell’8 dicembre - ma è emersa chiaramente dal discorso tenuto dal governatore nel corso dell’European banking congress a Francoforte. «ANCHE SE CI SONO molti segnali incoraggianti provenienti dall’economia dell’area euro - ha spiegato Draghi - nondimeno la ripresa resta fortemente dipendente...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.