closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Politica

Draghi loda i libici per come trattano i migranti

Polemiche per le parole del primo ministro. A Tripoli il premier dimentica la sistematica violazione dei diritti umani

Mario Draghi accolto a Tripoli dal primo ministro del governo di unità libico Abdul Hamid Dabaiba

Mario Draghi accolto a Tripoli dal primo ministro del governo di unità libico Abdul Hamid Dabaiba

Certo, vanno ricostruiti i rapporti con la Libia e il suo nuovo governo, provare a riprendersi qualche spazio occupato nel frattempo dalla Turchia e poi si sa, gli affari sono affari e la diplomazia ha le sue regole, quindi se sei ospite a casa di qualcuno non ti metti a criticare tutto. Ma quelle poche parole sui migranti dette ieri dal premier Mario Draghi a Tripoli sono di quelle che lasciano il segno: «Noi esprimiamo soddisfazione per quello che la Libia fa, per i salvataggi, e nello stesso tempo aiutiamo e assistiamo la Libia». Apprezzamento per un Paese che imprigiona...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi