closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Italia

Draghi: «Alunni in classe dopo Pasqua». E bacchetta i governatori

Il premier alle Camere in vista del vertice Ue. Nuova versione del piano Figliuolo: punti vaccinali in palazzetti e parcheggi aperti 12 ore al giorno, un’iniezione ogni 10 minuti

Covid hospital, Roma

Covid hospital, Roma

Applicazione del piano vaccini da parte delle regioni e riaperture delle scuole, almeno per i più piccoli: sono stati i due punti principali, sul versante italiano, del discorso del premier Draghi ieri alle Camere, in vista del vertice Ue che terminerà domani. «Se paragonate al resto d’Europa - ha spiegato - le cose già ora vanno abbastanza bene. Per vaccini fatti, l’Italia è seconda dopo la Spagna. Il nostro obiettivo è portare il ritmo di somministrazioni a mezzo milione al giorno (lunedì 206mila ndr). Ma ci vuole una logistica efficiente, e l’abbiamo, con meno requisiti formali e maggior pragmatismo». UNA...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi