closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Economia

Draghi: Addio al Qe. E sul governo pentaleghista: «Non facciamo drammi»

La pacchia è finita. La fine del "Quantitative easing". L'annuncio della Banca Centrale Europea: gli acquisti del debito pubblico saranno azzerati a fine dicembre. Distensione con Roma purché resti nell’euro e rispetti i trattati Ue. Il presidente della Bce: "La moneta unica è irreversibile e sullo spread non c’è stato alcun complotto". La reazione del vicepremier Luigi Di Maio: «Sul destino economico dell'Italia non deve decidere la Bce ma l’Europarlamento». Il governo si è avviato sul "sentiero stretto" tra i paletti di Francoforte e quelli di Bruxelles

Mario Draghi (Banca centrale europea)

Mario Draghi (Banca centrale europea)

Nel giorno storico dell’annuncio della fine graduale della politica monetaria ultra-espansiva («Quantitative easing») a fine dicembre, ieri da Riga il presidente della banca Centrale Europea Mario Draghi ha inviato un messaggio pragmatico alla madrepatria dove i sussurati piani di uscita dall’Euro sono tornati all’ordine lasciando spazio alle battaglie contro i migranti. IL CUSTODE DELLA STABILITÀ dei prezzi, dell’ordine economico anti-deflattivo e dell’alluvione monetaria che ha consolidato i bilanci delle banche e contenuto la crisi del debito ha ribadito la verità a cui anche il governo gialloverde si è adeguato, altrimenti non sarebbe nemmeno partito: il pilota automatico della Bce è...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.