closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

Doppio colpo di scena senza script

Al cinema. Un dramma familiare diventa una spy story. Christian Carion gioca col virtuosismo in «Mio figlio», con Melanie Laurent e Guillaume Canet

Melanie Laurent in «Mio figlio»

Melanie Laurent in «Mio figlio»

Dopo tre vicende ambientate nella prima guerra mondiale (Joyeux Noël - Una verità dimenticata dalla storia, 2005), nella seconda (En mai, fais ce qu'il te plaît, 2015) e sul finire della guerra fredda (L’affaire Farewell, 2009), il regista francese Christian Carion torna ai giorni nostri con Mio figlio. I protagonisti sono Marie e Julien, due genitori divorziati che si ritrovano a causa della scomparsa del figlio Mathys da un campo scuola. È fuggito? È stato rapito? È colpa della madre che ora sta con un altro uomo e prova ad avere un secondo figlio? È colpa di un padre  assente?...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.