closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Italia

Dopo quattro mesi la piccola Oumoh ritrova la mamma

Migranti. La bambina ivoriana, portata via dalla donna per salvarla dall’infibulazione, era arrivata a Lampedusa con un barcone

La fuga dalla Costa D'avorio con la propria bambina per salvarla dall'infibulazione. Il disperato viaggio per raggiungere la Tunisia. Il distacco per recuperare i pochi averi, il ritorno a Tunisi. La tragica scoperta che la figlia è scomparsa. L'incubo, il dolore immenso. Poi, improvvisamente una telefonata. Dall'Italia. La bimba è viva. Sta bene. L'attesa è snervante, quattro mesi di straziante burocrazia. Ci siamo. Il volo da Tunisi, scalo Palermo. Eccola, è lì. Bella, bellissima. L'abbraccio. I brividi, le lacrime. I battiti a mille. I sorrisi. E' un miracolo. Anzi, il destino. O chissà. Dal mare dei morti, dove giacciono migliaia...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.