closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Politica

Dopo Parigi, il governo torna con i petrolieri

Già finito l'ecologismo di Renzi, che sostiene il progetto Ombrina e le trivellazioni di fronte alle coste abruzzesi. I comitati ieri in trasferta a Roma, chiedono modifiche nella legge di stabilità

Una manifestazione

Una manifestazione "No Ombrina"

L’attacco è al «podestà» Renzi. E ai suoi vassalli, valvassori e valvassini. Eh sì, secondo il coordinamento «No Ombrina», che combatte contro la petrolizzazione selvaggia, il governo attuale, con le sue decisioni unilaterali, è a metà tra il «becero autoritarismo» e i passacarte. «E mentre a Parigi, nella Conferenza internazionale sul clima, il nostro premier proclama di voler salvare il pianeta e l’economia, e spinge per un mondo di rinnovabili, in Italia fa carne da macello. All’estero dà un’immagine verde e poi s’affretta a distruggere il suo, il nostro paese»”: Alessandro Lanci, coordinatore del movimento, non si risparmia. Il gruppo...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi