closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Dopo lo sciopero generale centinaia di palestinesi licenziati

Palestina/Israele. La denuncia di studi legali e organizzazioni legali: centinaia i casi di lavoratori cacciati per aver preso parte allo sciopero generale del 18 maggio: "Non sei fedele a Israele". Superano i mille gli arrestati per le proteste di queste settimane, 200 già incriminati

Lod il giorno dello sciopero generale

Lod il giorno dello sciopero generale

«Sei licenziato», «Non sei fedele a Israele». Sono alcuni dei messaggi che centinaia di lavoratori e lavoratrici palestinesi, cittadini israeliani, hanno ricevuto dai datori di lavoro dopo la storica giornata del 18 maggio, lo sciopero generale partito dalla società civile araba dentro Israele e presto allargatosi a Gerusalemme e Cisgiordania. Un’iniziativa storica, non accadeva da 85 anni: l’ultimo grande sciopero generale risale al 1936 e segnò l’inizio della Grande Rivolta contro le violenze dei paramilitari sionisti e il sostegno dell’allora Mandato Britannico. Nel 1936 si fermò per primo il porto di Jaffa, non a caso presse il nome di «sciopero...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.