closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Politica

Dopo l’imbarazzante Farage, Grillo chiama i Verdi europei per cercare un’alleanza più pulita

Movimento 5 Stelle. Con una lettera sul blog il capo del M5S chiede un incontro al segretario generale Vula Tsetsi per "un'eventuale collaborazione". I Verdi si sono subito riuniti in assemblea per decidere come gestire questa esplicta richiesta di alleanza. Nel frattempo, i deputati alla Camera sono alla resa dei conti per modificare gli assetti dello staff della Comunicazione colpevole di aver redatto un dossier sugli errori compiuti durante la campagna elettorale.

Cercasi alleanza fin troppo allegramente. Un partito non vale l’altro, tanto più se uno si colloca a destra e l’altro a sinistra, per dirla all’antica, eppure Beppe Grillo in Europa dialoga con eccessiva disinvoltura sia con Nigel Farage, il leader dello Ukip in odore di xenofobia, che con Vula Tsetsi, il segretario generale dei gruppo dei Verdi. Anzi, vorrebbe. Perché se è stato facile bersi una birra con il “simpatico” inglese per discutere di alleanze, per il capo del Movimento 5 Stelle, fino a ieri, sembrava impossibile anche solo contattare telefonicamente un esponente del partito ecologista europeo. Lui ci sta...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi