closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Dopo le stragi, la guerra di Biden alle armi è tornata

Stati Uniti . Le promesse della campagna elettorale si concretizzano: raffica di ordini esecutivi. Per il presidente l’ostacolo è il fuoco amico del senatore centrista Manchin 

Sostenitori armati di Donald Trump nello stato di Washington durante le proteste dello scorso gennaio

Sostenitori armati di Donald Trump nello stato di Washington durante le proteste dello scorso gennaio

Joe Biden ha annunciato una raffica di ordini esecutivi riguardanti il controllo delle armi, inclusi l’introduzione di normative per le cosiddette «armi fantasma» (armi da fuoco assemblate in casa prive di numeri di serie e più difficili da rintracciare), il bando dei dispositivi che trasformano le pistole in fucili a mezza canna e la nomina di David Chipman, da sempre sostenitore delle politiche per il controllo delle armi, come capo dell’Ufficio per la regolamentazione di alcol, tabacco, armi da fuoco ed esplosivi. Queste le prime azioni sostanziali della presidenza Biden riguardo le armi, una delle massime priorità democratiche diventata ancora...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.