closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Dopo la strage di Jacksonville, i giovani contro le armi verso il voto di midterm

Stati uniti. Un 24enne ha aperto il fuoco sulla folla durante un torneo di videogame: aveva perso. Tre morti, undici feriti. Non si ferma il movimento Never Again che guarda alle elezioni di novembre con speranza

La polizia chiude la zona della strage di Jacksonville

La polizia chiude la zona della strage di Jacksonville

È avvenuta una nuova sparatoria di massa negli Stati uniti, a Jacksonville in Florida. Stavolta durante un seguitissimo torneo di Madden 19, un videogioco multiplayer molto popolare basato sul campionato americano professionistico di football, che si teneva in un centro commerciale e polisportivo. L’autore della strage sarebbe un 24enne bianco, David Katz di Baltimora: ha aperto il fuoco, 15 colpi che hanno provocato 11 feriti e 3 morti, tra cui lo stesso Katz. Il movente, stando all’ipotesi più accreditata, sarebbe l’aver perso al torneo di videogame. Probabilmente per la rabbia, Katz ha compiuto una strage. Secondo lo sceriffo Mike Williams...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.