closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Dopo 30 anni da rifugiati nell’ambasciata italiana in Etiopia, liberi i due gerarchi del Derg

Addis Abeba/La storia. L’ex ministro degli Esteri e l'ex capo di Stato maggiore ricevettero asilo con altri 6 esponenti del regime di Menghistu nel 1991, con i ribelli ormai alle porte della capitale. Non rischiano più la pena di morte. Un esempio di rispetto della nostra Costituzione,  garantista non solo con le vittime

Berhanou Bayeh e Addis Tedla

Berhanou Bayeh e Addis Tedla

Il 21 maggio 1991sulla spinta del movimento di liberazione del Tigray il dittatore etiope Mènghistu Hailé Mariàm, detto il Negus Rosso, fuggì in Zimbabwe e a tutti i capi rimasti non restò che cercare riparo presso le ambasciate straniere. Si trattava degli esponenti della giunta militare del Derg (Governo Militare Provvisorio dell’Etiopia Socialista), la cui azione di repressione sistematica extragiudiziale delle opposizioni si stima che abbia portato negli anni 1977-78 alla morte di 500 mila persone. Si racconta che non era possibile fare nemmeno il funerale alle vittime e in alcuni casi registrati - dove era stato necessario utilizzare più...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.