closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

Donatella Finocchiaro: «In difesa del cinema indipendente»

Intervista. Parla l'attrice catanese che solo quest'anno è stata interprete di ben tre film: «Youtopia», «Nato a Casal di Principe» e «Beate»

È stata appena premiata alla decima edizione dell’Ortigia Film Festival come Attrice dell’anno veramente indipendente. In effetti solo quest’anno Donatella Finocchiaro è stata interprete di ben tre titoli: Beate di Samad Zarmandili (proiettato il 15 alla rassegna Bimbi belli di Moretti), Nato a Casal di Principe di Bruno Oliviero e Youtopia di Berardo Carboni. Allieva spirituale di Marco Bellocchio e Roberta Torre, classe 70, l’attrice catanese non disdegna opere prime e seconde, anzi ne va in cerca perché crede che quello dell’attore debba restare un mestiere di ricerca e sperimentazione continue. Che ricordi ha dell’esperienza di «Youtopia»? È stata un...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.