closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Alias

Donald Trump sul grande schermo

Martin Sheen

Martin Sheen "La zona morta"

È difficile capire Donald Trump se lo si analizza come fenomeno totalmente nuovo. Sì, lui è la prima reality star a candidarsi alla carica di Presidente degli Stati Uniti e Commander-in-chief. La novità della sua ascesa nasconde radici ben profonde di un nativism estremo sempre presente nella palude dell’immaginazione politica americana. Nel cinema troviamo diverse versioni del Donald che in qualche modo ci aiutano a capire il demagogo. Cominciamo dall’inizio con Gangs of New York (2002) di Martin Scorsese. Nella scena più bella del film il macellaio Bill (Daniel Day-Lewis) parla con Amsterdam (DiCaprio) e spiega che è la paura...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.