closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Alias

Dolci a gogo

Qualcuno cominciava a ingrassare, a vista d’occhio, anche se eravamo ancora giovanissimi. Non ci volle molto a capire che la causa erano i dolci, le abbuffate che stavano lasciando il segno sul fisico di chi non riusciva a smaltire quegli alimenti ipercalorici. Ogni domenica mattina, da ottobre a Pasqua, avevamo preso la piega di compiere il giro delle pasticcerie del centro, diventando presto intenditori di babà di pan di spagna imbevuto di rum, di bignè con panna ricoperti di glassa, di fruttoni di pasta frolla con marmellata di mele cotogno, di cannoli ripieni di scaglie di cioccolato, di diplomatici di...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi