closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Politica

Dl Sicurezza, protesta della maggioranza contro Casellati

Il provvedimento verrà esaminato congiuntamente da due commissioni «Procedura anomala». Il rischio è di non riuscire ad approvarlo in tempo

Comincia decisamente in salita l’esame al Senato del decreto sicurezza, licenziato mercoledì scorso dalla Camera. Anziché assegnare il testo alla sola commissione Affari costituzionali, come è prassi, la presidente Elisabetta Casellati ha deciso infatti che il provvedimento venga esaminato congiuntamente anche dalla commissione Giustizia. Una scelta che ha lasciato di stucco gli esponenti della maggioranza, che vedono nella decisione della presidenza - destinata da allungare l’iter del provvedimento - un pericolo all’approvazione del decreto, in scadenza il prossimo 20 dicembre. «Evidentemente siamo di fronte ad un’autonoma decisione della presidente del Senato, forse sollecitata dal presidente leghista della commissione Giustizia, che...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi