closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Djokovic resta nell’hotel tra due giorni il verdetto

Australian Open. A causa del visto irregolare il tennista rischia di non poter entrare nel paese per 3 anni

Novak Djokovic

Novak Djokovic

Il campione-paladino della libertà contro il totalitarismo sanitario. Novak Djokovic è ancora in un hotel di Melbourne che ospita decine di rifugiati. La sua vicenda sul visto negato per l’esenzione medica ottenuta da non vaccinato è diventata l’innesco di un frullatore che coinvolge politica, religione, esteri e opinione pubblica. Tra 48 ore c’è la decisione finale di una corte federale sul suo ingresso a Melbourne per la partecipazione all’Australian Open. Ma quel documento impugnato dalla polizia di frontiera potrebbe costargli più dell’assenza al torneo che ha vinto nove volte in carriera. Davanti all’albergo del numero uno mondiale si sono riuniti...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.