closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Cultura

Djaïli Amadou Amal, nell’attesa indocile per sfuggire al dogma del «munyal»

INTERVISTA. A colloquio con la scrittrice camerunense a proposito del suo romanzo «Le impazienti», edito da Solferino. «A diciassette anni mi sono sposata: un matrimonio imposto. È grazie alla lettura che mi sono salvata. Per le donne dell’etnia Fulani il sacrificio della propria felicità è a profitto di quella di marito e figli. L’interpretazione faziosa di tutte le religioni rivelate ha come conseguenze la difficoltà e l’impossibilità di distinguere le tradizioni locali dagli stessi testi sacri»

Djaïli Amadou Amal, foto di Bruno Fert

Djaïli Amadou Amal, foto di Bruno Fert

Attivista femminista e scrittrice fulani, Djaïli Amadou Amal nasce a Maroua nell’estremo nord del Camerun. Grazie alla sua scrittura, negli ultimi dieci anni la letteratura del Sahel si è arricchita in sfumature, nuotando nel bacino di una tematica che avvicinando tradizione e scosse di modernità svela i meandri di una società fortemente androcentrica. Scuotendo le fondamenta patriarcali, la penna incisiva e impegnata di Djaïli Amadou Amal si è mossa nella scrittura di tre romanzi: Walaande ou l’art de partager un mari (Ifrikiya, 2010); Mistirijo, la mangeuse d’âmes (Ifrikiya, 2013) e Munyal ou les larmes de la patience (Proximité, 2017), editi...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.