closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Alias Domenica

Disegni filamentosi, modernità rinascimentale: Henry Moore

A Firenze, Museo Novecento, "Henry Moore. Il disegno dello scultore", a cura di Sebastiano Barassi e Sergio Risaliti. Dopo la grande mostra dello scultore inglese a Firenze, 1972, Kenneth Clark elevò a esperienza eletta e autonoma la sua produzione grafica: che oggi possiamo «assaggiare» nel nervoso stile tardo

Henry Moore, dalla serie

Henry Moore, dalla serie "The Artist’s Hands", 1981

[caption id="attachment_506349" align="alignnone" width="939"] Henry Moore, dalla serie "The Artist’s Hands", 1981[/caption]   Già alla notizia della mostra intesa per illustrare gli esiti finali dell’indefessa attività grafica di Henry Moore – esposizione allestita a Firenze negli spazi ampi e fin troppo vuoti del Museo Novecento, fino al 18 luglio – la mente era corsa alle pagine finali della lussuosa monografia dedicata ai disegni dello scultore da sir Kenneth Clark, sulla metà degli anni settanta: volume Thames and Hudson che, nell’alternanza munifica di tavole a colori e foto in bianco e nero, si proponeva come un’occasione celebrativa volta a guidare il...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi