closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
L'Ultima

Disastro California

Petrolio. Dopo quella del 1969, seconda «marea nera» per Santa Barbara. A causa di un guasto a un oleodotto 80.000 litri di petrolio sarebbero finiti nell'Oceano Pacifico. Ma il rischio è che la quantità totale di oro nero sulle coste possa essere di 400.000 litri. Il governatore ha proclamato lo «Stato di emergenza»

Un vero disastro ambientale. È quanto avvenuto sulle coste di Santa Barbara, in California,una delle zone più belle d’America: circa 80 mila litri di petrolio si sono riversati nell’Oceano Pacifico a causa della rottura delle condutture di un oleodotto. La società che gestisce l’oleodotto, la Plains All American Pipeline, ha dichiarato di temere un disastro per una cifra di petrolio ancora più alta; e nonostante il flusso di greggio sia stato interrotto subito dopo la rottura, sarebbero finiti in mare quasi 400.000 litri di petrolio. La Plains in un comunicato, aveva fatto sapere di essere impegnata a fare ogni sforzo...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.