closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Lavoro

Diritti e tutele per i rider, un accordo in Toscana

Gig economy. La piattaforma di food delivery Tadan e la Nidil Cgil siglano una intesa che prevede lo stop al cottimo, un algoritmo trasparente ed equo, e maggiori indennità, rimborsi e protezioni.

Un ciclofattorino al lavoro

Un ciclofattorino al lavoro

Dopo l'elezione del primo rappresentante dei lavoratori per la sicurezza dei rider (per Just Eat), è sempre dalla Toscana che arriva un accordo sindacale con una piattaforma digitale di food delivery. Si tratta della Tadan, una start up operativa da meno di un anno che impiega circa 70 ciclofattorini a Firenze, Pisa e Livorno, e che punta a estendersi a breve su tutto il territorio toscano (e non solo). Un'azienda che ha accettato di contrattare con la Nidil Cgil una impostazione che prevede lo stop al cottimo, un algoritmo trasparente ed equo, e maggiori indennità, rimborsi, diritti e protezioni. L'accordo,...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi