closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Scuola

Direttiva Monti, «a scuola si taccia sui gay». Il diktat della Cei

«Chi siamo noi per giudicare i gay». Basterebbe parafrasare il Papa per troncare sul nascere l’ennesima stucchevole discussione su gay e omofobia. Se non fosse per la proterva e a tratti patetica ostinazione di una parte del mondo cattolico ad opporsi ad ogni tentativo di introdurre nelle scuole elementi di riflessione, argomentati, seri, pacati, per attrezzare i giovani ad affrontare emergenze sociali vere e proprie quali gli omicidi delle donne e l’omofobia, causa spesso di drammi e suicidi. L’oggetto di questa ennesima campagna "moralizzatrice" in cui si distinguono esponenti governativi di centrodestra ha come bersaglio una direttiva del governo Monti...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.