closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Scuola

Insegnanti in sciopero in Francia contro la riforma delle medie

Sciopero degli insegnanti. Divorzio tra mondo della scuola e Ps. Il governo propone un progetto per lottare contro le eccessive ineguaglianze. La protesta sui programmi di storia, per i timori che il latino e il greco siano minacciati e che il tedesco declini. Battaglia tra intellettuali

Insegnanti in sciopero ieri e un grosso corteo a Parigi, contro la riforma della scuola media proposta dalla ministra Najat Vallaud-Belkacem. Una partecipazione al 50% per i sindacati che si oppongono (Fsu, Cgt, Fo, Sud, mentre Unsa e Cfdt sostengono la riforma), al 27% secondo il ministero, per una giornata di mobilitazione che segnala un crescente divorzio tra mondo della scuola e Ps. Lo sciopero arriva dopo più di un mese di feroci polemiche, che hanno visto la sinistra spaccarsi, gli intellettuali insultarsi e voci più o meno approssimative diffondersi contro una riforma che, per i suoi numerosi detrattori, segnerebbe...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.