closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Alias Domenica

Dietro la riverita icona di un Kafka santo e nevrotico

Interviste. Incontro con Reiner Stach, che per per vent’anni ha raccolto i materiali per la sua trilogia sull’autore del «Castello»

Lebenswerk, come tanti altri composti tedeschi, è un’espressione dalle molteplici sfumature. È usata, di solito, per descrivere l’insieme delle opere di un autore o anche il singolo capolavoro al quale ha lavorato per gran parte della sua vita, come il Faust di Goethe o I promessi sposi di Manzoni. Nel caso di Reiner Stach l’opera di una vita è anche opera su una vita: per vent’anni ha messo insieme i materiali per la sua trilogia su Kafka, ma ha cominciato forse a immaginarla già da studente universitario quando, a Francoforte, lavorava alla sua tesi di dottorato sulla costruzione estetica della...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi