closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Rubriche

Dietro il verdetto di Londra su Julian Assange

L'arte della guerra. Un processo pubblico a Julian Assange negli Usa sarebbe estremamente imbarazzante per l’establishment politico-militare. Quale prova dei «crimini» di Assange l’accusa dovrebbe mostrare i crimini di guerra Usa, portati alla luce da WikiLeaks

Illustrazione

Illustrazione

Da un processo ingiusto - quello di Londra a Julian Assange, fondatore di WikiLeaks - è scaturita una sentenza che a prima vista appare giusta: la non-estradizione del giornalista negli Stati uniti, dove lo attende una condanna a 175 anni di reclusione in base alla Legge sullo spionaggio del 1917. Resta da vedere, al momento in cui scriviamo, se e in che modo Assange verrà scarcerato dopo sette anni di confino all’ambasciata ecuadoregna e quasi due anni di carcere duro a Londra. Si parla di rilascio su cauzione, ma, se Washington fa appello contro la sentenza (come appare certo), il...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi