closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

Dietro il mantra delle ragazze del mostro

Venezia 75. Mary Harron dirige «Charlie Says», sulle stragi della Manson Family. Sceneggiatura di Guinevere Turner. «Alle protagoniste - spiega la regista - è stato fatto il lavaggio del cervello, e nel raccontare quella tragedia una delle sfide è stata non imprigionarle nello stereotipo»

Matt Smith in «Charlie Says»

Matt Smith in «Charlie Says»

Tutto comincia e finisce con le stragi della Manson Family nell’agosto 1969 , quegli eventi che incrinano il sogno perverso nel quale sono immersi i membri della «famiglia» e inizia a metterli di fronte alla reale natura delle loro azioni. La prima sequenza di Charlie Says - il film di Mary Harron presentato in Orizzonti - si svolge infatti nella villa dove si è appena consumato l’omicidio dei coniugi LaBianca. Leslie Van Houten (Hannah Murray) e altri tre compagni della setta lasciano il luogo del crimine e vanno a fare colazione insieme con l’autostop. Ma la storia della loro vita...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.